info@lascoglierarooms.com / +39 089 872765

Atrani, una passeggiata al borgo

Stretto tra il monte Civita ad est ed il monte Aureo ad ovest, Atrani si estende lungo la valle del fiume Dragone, cosiddetto perché la leggenda vuole che ivi si nascondesse un terribile drago che sputava fuoco.

Per la bellezza dei vicoletti, degli archi, dei cortili, delle piazzette, delle caratteristiche scalinatelle, delle abitazioni, poste l’una sull’altra, per l’atmosfera suggestiva della sera, quando le luci sono accese, Atrani è stato più volte adoperato come set cinematografico per film e spot pubblicitari entrando a far parte dei Borghi più belli d’Italia.

Le prime case si affacciano direttamente sulla spiaggia, per poi raccogliersi intorno alla piazzetta con la chiesa del San Salvatore e la fontana di pietra, salgono, infine, verso la valle e si arrampicano lungo le pendici rocciose della collina, attraversate dai giardini e dalle coltivazioni di limoni.
Isolata dal traffico automobilistico, protetta dalle sue antiche case dai balconi fioriti, la piazzetta di Atrani accede direttamente alla spiaggia ed al mare, attraverso l’antico passaggio creato per mettere in salvo le barche dalle mareggiate.

Le origini di Atrani sono ancora oggi sconosciute. Ricerche archeologiche hanno stabilito che nel I secolo d.C. lungo la Costa d’Amalfi esistevano delle ville romane, le quali furono, però, coperte dal materiale che, eruttato dal Vesuvio nel 79 d.C., si era depositato sui monti circostanti e da lì, in seguito, era franato a valle.
Nel V secolo d.C., a seguito delle invasioni barbariche, numerosi romani fuggiti dalle città si rifugiarono prima sui Monti Lattari e successivamente, lungo le coste, ove crearono insediamenti stabili. La prima prova documentale dell’esistenza di Atrani è rappresentata da una lettera del papa Gregorio Magno al vescovo Pimenio datata 596.

Il Ducato di Amalfi si estendeva da Cetara a Positano comprendendo anche Agerola, Pimonte, Lettere, Capri e l’arcipelago delle Sirenuse (Li Galli). All’interno di questo territorio Atrani era un borgo che si fregiava del titolo di città, città gemellata di Amalfi e sede dell’aristocrazia.
Solo agli amalfitani e agli atranesi era riservato il diritto di eleggere o deporre i capi del Ducato. Simbolo della sua potestà era un copricapo, il Birecto, di cui i duchi venivano insigniti nella cappella palatina del San Salvatore de Birecto di Atrani.

Gli atranesi collaborarono allo sviluppo economico-sociale del ducato. Rilevanti erano i pastifici e le fabbriche di tessuti che producevano sajette e drappi preziosi, per i quali gli atranesi detennero il vanto tra i centri della costiera.
Essi furono particolarmente attivi nella zona orientale extra-ducato: a Paestum, a Cava de’ Tirreni e a Vietri sul Mare.

Il maremoto del 24 settembre 1343 sommerse buona parte del litorale e pose fine allo splendore di Amalfi e di Atrani, già provate dalle continue incursioni dei pisani del XII secolo. Negli anni che seguirono, le sorti di Atrani furono legate a quelle di Amalfi, il cui ducato, oramai decaduto, venne inglobato nel principato di Salerno.

Meritano sicuramente una visita la Chiesa di San Salvatore de’ Birecto, la Collegiata di Santa Maria Maddalena Penitente, la torre dello Ziro e la grotta di Masaniello, poco distante dalla casa di famiglia del celebre capo della rivolta del Fichi del 1647.

e-borghi.com

Related articles

In giro per Atrani

La Costiera Amalfitana è un scrigno di meraviglie. Piccoli e grandi villaggi sul mare, casette arrampicate sugli scogli, barche ormeggiate in ogni porto. E poi […]

Learn More

Le attrazioni iconiche di Roma e le romantiche gondole di Venezia potrebbero ottenere molto splendore, ma non commettere errori, le colorate scogliere meridionali della Costiera […]

Learn More

Chiesa di Santa Maria del Bando

Situata alle pendici del Monte Aureo, alla Chiesetta di Santa Maria del Bando di Atrani si arriva dopo aver percorso ben 750 gradini che portano […]

Learn More